Mario Marazziti - Pagina Ufficiale

Mario Marazziti - Pagina Ufficiale

giovedì 14 dicembre 2017

Legge sul fine vita. Col via libera definitivo arriviamo a un punto di incontro ragionevole, sofferto, fra umanesimo cristiano e umanesimi laici


Con l’approvazione definitiva della legge sul #finevita oggi al Senato arriviamo a un punto di incontro ragionevole, equilibrato, sofferto tra umanesimo cristiano e umanesimi laici, su un tema difficile, come la vita, la dignità della vita, la sofferenza e il dolore.
Qui eutanasia e suicidio assistito restano fuori e si prova a umanizzare il morire senza chiamare e anticipare la morte. 

martedì 5 dicembre 2017

In questi anni, in Commissione Affari Sociali, abbiamo votato tante buone leggi



Tante le leggi, io penso buone leggi, che la Commissione Affari sociali ha licenziato in questi anni e che oggi sono leggi del paese. Provvedimenti che migliorano la vita dei cittadini, a partire dalle categorie più fragili. O che innovano settori che aspettavano una riforma da troppo tempo.

venerdì 1 dicembre 2017

Legge sul fine vita: una visione personalista e non solo individualista


Il bio-testamento non è la legge di qualcuno, di un partito, di un ambiente, di un filone culturale. 
Non è la vittoria di una parte del paese e la sconfitta di un'altra. Non coincide con una visione "unica" del mondo. Per questo è difficile.
Cattolici da una parte e laici dall'altra? No. Conosco tanti deputati che vivono in maniera non secondaria il loro impegno civile e politico dentro una forte ispirazione cristiana, che hanno votato (centinaia?) a favore della legge. Non c'è una linea che divide i cristiani in politica "con la schiena dritta" da una parte e quelli cedevoli al vento del mondo dall'altra. 
Se così fosse sarebbe disperante constatare di essere ridotti a una piccola minoranza. 
E' una legge "cattolica"? No. Ma di certo, per la prima volta, su temi complessi e sottili si è creato un incontro di umanesimo cristiano e di umanesimi laici con una forte attenzione alla persona, una visione personalista e non solo individualista. 

Su Avvenire di oggi il mio contributo al dibattito che il quotidiano ha meritoriamente continuato a tenere aperto nel tempo a proposito della legge sul fine vita.